Reportage Tematici Green (257)
[ 1172 immagini ]
Bacheca Green
[ 862 post ]
Aziende Green
Soluzioni Green

 Autore del reportage
Nome: Renato Solmi

Su di me: Guido un Vectrix VX1 dal giugno 2008 e grazie a lui ho fatto un sacco di amicizie e di fantastiche esperienze su strada.

Interessi: Auto e moto elettriche

Vivo a: IT, Lombardia

Specializzazione::

Webpage:
 
Reportage scritti [ 4 ]
Post in bacheca Green [ 8 ]
Commenti a reportage [ 5 ]
Le nostre automobili e i loro consumi - Esperimento
16/11/2014
Risparmio Energetico
6738  views
  Locazione: Milano provincia
Invia ad un amico

Le nostre automobili e i loro consumi - Esperimento - Mi sono tolto qualche dubbio.

Ma sarà poi vero, come ci pubblicizzano, che le nuove automobili montano questi motori così evoluti e che quindi si meritano le classi EURO migliori?

Non sarà magari che invece i motori sono cambiati ben poco ma si sono evolute le programmazioni elettroniche delle centraline che li gestiscono e che solo grazie a prestazioni ridotte e alcuni trucchi (stop/start) riescono a far consumare poco le nuove auto?

Altro dubbio l’ho su tutti i consigli che ci sentiamo dire di continuo su una guida "risparmiosa", saranno poi cosi validi e sopratutto abbastanza "efficaci"?

Il sistema per dare una risposta ai miei dubbi poteva essere fare "misure".
Cioè provare effettivamente sulla propria pelle, anzi auto.

Vi spiego il mio test.
Partiamo dal termine di paragone.
Molti mesi fa avevo fatto un complesso calcolo sulle benzine, un confronto su prezzi e prestazioni.
Poco importa ora, non c’entra, ma il complesso calcolo mi aveva fornito un preciso consumo reale della mia auto su una media calcolata su 15 pieni consecutivi.
Per un periodo di 261 giorni e 6362 km percorsi avevo fatto uno dopo l’altro solo pieni e per ognuno mi ero segnato tra l’altro anche i km percorsi e i litri del rifornimento.
La guida in quel caso doveva essere la mia "normale" guida, cioè ne volutamente risparmiosa ma nemmeno troppo brillante, qualcosa di medio, per quanto possibile.
In quel calcolo la mia Opel Corsa Sport (1400, benzina, 16v, 90CV) immatricolata nel 1996 aveva fornito come consumo medio 10,6 km al litro.

Ora non mi restava che redigere una serie di regole per una guida risparmiosa e rifare il calcolo.
In questo caso, visto che le regole erano ferree e avrei tentato di seguirle alla lettera, il numero di pieni su cui poi fare la media poteva essere notevolmente inferiore. La precedente serie di calcoli potevano dare invece risultati anche molto diversi, avevo avuto pieni da 9,6 km litro e pieni da 12,5 km litro, questo perché basta anche uno stato d’animo diverso per modificare la nostra guida, più rilassata o più nervosa.
Una volta iniziato il test del risparmio di carburante mi sono accorto addirittura che tutti i pieni fatti sotto ferree regole di risparmio davano addirittura risultati quasi perfettamente uguali, ne sarebbe bastato persino uno solo.

E ora le regole.
Non è stato facile seguirle senza mai distrarsi (e tornare alla propria guida "normale") ma sopratutto senza lasciarsi influenzare dal resto del traffico sicuramente più nervoso.

Come ci sentiamo consigliare:
1) guida molto fluida, evitare il più possibile cambi di velocità repentini
2) partenze da fermo il più morbide e fluide possibile
3) giri motore che non devono mai superare i 3000 g/min, anche meglio sotto i 2500 (per qualche auto il valore può cambiare ... a volte è scritto sul libretto di istruzioni)
4) cercare di simulare lo stop/star, sopratutto a semafori di lunga durata spegnere il motore
5) luci spente (codice stradale permettendo)
6) climatizzatore spento (è stata una sofferenza, il test l’ho fatto in agosto)
7) velocità massima sempre ridotta, in stretta relazione con il numero di giri bassi, utile è stato cercare di rispettare i limiti di velocità

Queste in linea di massima le regole ferree, assolutamente da rispettare.
In più qualche trucco che il mio amato scooter elettrico Vectrix mi ha fatto imparare con l’esperienza, sempre in tema risparmio.

Beh, detto questo, sarete curiosi di conoscere il risultato.
Io lo ero molto e mano a mano che si delineava il vero e proprio consumo ero anche stupito.

Ebbene ho percorso in media 16,92 Km al litro.
Rispetto alla "normale" guida ho percorso quasi il 60% di strada in più a parità di carburante.
Io, devo dire la verità, sono rimasto stupito. Non credevo di arrivare ad un risultato simile.
Certo non è stato facile non distrarsi mai e non farsi prendere dal ritmo nevrotico del resto del traffico, come anche è stata una sofferenza non usare il climatizzatore tornando a casa dall’ufficio dopo che la mia auto era stata l’intera giornata sotto al sole nelle giornate in cui abbiamo avuto 37 gradi.
A dirla tutta è anche stato in parte un controsenso, chi di noi compra l’auto con il clima e poi non lo usa?

Il test è stato esagerato, l’ho preso come il tentativo di fare il mio record di consumo, ma devo dire che ho imparato molto.
Se teniamo conto degli anni che ha la mia auto e consideriamo che i consumi dichiarati dalle case automobilistiche per le auto nuove sono molto teorici e che quando le riviste specializzate fanno test di consumi reali questi sono significativamente più alti dei dichiarati mi sembra di poter dire che la mia vecchiettina non si discosta poi molto dalle nuove di pari cilindrata e potenza.

Ed ecco le risposte ai miei dubbi.
Probabilmente un motore di 15 anni fa non è così diverso da quelli di oggi, si saranno anche evoluti ma non quanto ci vorrebbero far credere.
Le centraline elettroniche di controllo e le loro programmazioni invece hanno fatto passi da gigante, riescono quasi da sole a ridurre drasticamente i consumi, a volte penalizzando le prestazioni, ma fanno comunque miracoli.
E per ultimo si, i consigli che ci si sente dare per una guida più risparmiosa funzionano.

Questa esperienza mi è molto piaciuta, ora sono in grado di guidare scegliendo di risparmiare carburante, e quindi inquinare meno, come e quando voglio e sapendo che il tutto funziona alla grande.

PS: ho volutamente semplificato alcuni aspetti, il discorso è molto più complesso, ma mi premeva confermare i miei dubbi ... e i vostri spero ...


PS: Tratto da
http://viaggiaresenzacolonnine.t15.org/site/20110830-esperimento-risparmio-consumi.html


  [Foto]




 [Video] ( Nessun video aggiunto )
REPORTAGE
 
Le nostre automobili e i loro consumi - Esperimento
 
posted on 8/30/2011 at 1:44


[Per inserire commenti devi essere iscritto su HowToBeGreen] JOIN NOW
Ciao Renedrive, molto interessante questo tuo test. Io guido, oltre ad un Vectrix, anche una Prius da ben 5 anni. La Prius è una macchina ibrida (la più famosa al mondo!) che incorpora una tecnologia che è progettata appositamente per la guida "pulse & glide" che non è altro che l’implementazione di uno stile di guida parsimonioso.. proprio come quello che hai sperimentato tu. Senza una guida attenta con la Prius puoi tranquillamente attestarti sui 20 km /litro o meno. Se invece poni in essere una guida più attenta (anche se non in senso maniacale).. il consumo può scendere fino a 23,5-24 km/litro (media del pieno).

Lo stile di guida è decisivo.. lo sanno bene chi guida elettrico e cerca di risparmiare ogni Wattora possibile.
 
Hai proprio ragione.
Sta tutto nello stile di guida.
Il nostro Vectrix, il nostro mitico mezzo elettrico, ci ha insegnato moltissimo su quanto sia importante lo stile di guida.
E non serve fare chi sa quale sortilegio, basta solo un po’ di attenzione ed un minimo di ragionamento.
Ci ha insegnato una guida tranquilla e rilassata, che non vuol dire andare piano, ma solo arrivare alla velocità desiderata in modo diverso..
Non so tu ma a me succede spesso di osservare altri autisti tutti presi da "nervosismo automobilistico" e di non riuscire più a spiegarmi a che serve, a che prò usarlo, quale può essere l’uso in mezzo al traffico a cui siamo abituati.
Un inutile spreco di energia mentale e di energia sotto forma di carburante, con l’inevitabile relazione con l’inquinamento.
Tanto stress per cosa? 20 secondi? 40 secondi? 1 minuto? 2 minuti? 5 minuti? ... perché sono questi i risparmi di tempo che si possono avere in un tragitto casa lavoro se si vive nel traffico ... e ne vale la pena ... avere la certezza che quello che respiriamo sono nient’altro che inalazioni di veleno ... e che prepariamo un mondo da vivere con maschere antigas per i nostri figli ... non è forse maglio partire qualche minuto prima da casa, guidare con calma, stressarsi di meno e arrivare più tranquilli al lavoro?
Auguro a tutti un futuro con pannelli solari fotovoltaici usati per caricare auto e moto elettriche o a percorrenza estesa e città con ottime strutture di colonnine di ricarica elettrica per i propri mezzi. Speriamo un futuro non troppo lontano.
 
Preciserei che la tecnologia comunque migliora continuamente anche in direzione della riduzione dei consumi.

Certo che se contemporaneamente si incrementano potenze e masse, sfruttando le prime e pagando sempre e comunque le seconde, questa realtà può apparire poco evidente.

E’ anche bene tenere presente che i dati di consumo forniti dalle case automobilistiche sono relativi a prove eseguite a banco e su strada secondo specifiche norme, quindi anche fortemente diversi da quanto ciascun conduttore può verificare.

Ciò che attentamente, anche se più o meno rigorosamente si può verificare di persona, è sempre ben fatto e non devono assolutamente impressionare differenze come quelle rilevate, anche se sono senza dubbio indicative di stili di guida assolutamente diversi.

E’ appunto come si gestiscono le andature e la tipologia delle stesse (velocità massima, frequenza ed intensità delle variazioni della velocità cioè dell’accelerazione, pianura, salita, discesa) a determinare sostanzialmente - a parità di semovente - il consumo energetico, quindi la percorrenza realizzabile, qualsivoglia sia la fonte energetica usata.

Credo di averlo già spigato e comunque, se può essere interessante, possiamo entrare ancor più nei dettagli per ogni componente del veicolo.

Mi complimento pertanto per la costanza ed il rigore ricordando che, anche se non è la tecnologia a farla da padrone più di quel che ciascuno di noi può fare scegliendo il veicolo ed ancor più guidandolo, certamente oggi è possibile consumare molto, molto meno di ieri.

Buona notte

Sergio Capraro
 
Ultimi commenti

 
Potrebbero interessarti..
Preparatore di acqua calda sanitaria con pompa di calore
Riscaldare l’acqua calda sanitaria sfruttando il sole, il vento e la pioggia
Illuminiamoci di meno e meglio
Metodi per il risparmio energetico
Detrazioni fiscali 2011: come e dove intervenire risparmiando
Edifici ad alta efficienza energetica - Case in legno made in Veneto
Risparmio energetico e le opportunità offerte del Piano Casa
Come e perchè utilizzare la fibra di cellulosa per isolare la propria casa
Come ridurre il consumo d’acqua in doccia - PARTE 1
Come ridurre il consumo d’acqua in doccia - PARTE 2
Come alimenteremo l’economia del 21esimo secolo? Smart Grid
Isolamento termico in fibra di cellulosa per intercapedine murale
Costruire in terra cruda, ritorno alle origini dell’abitare?
Case di paglia: economiche ed ecologiche

© 2021 , HowToBeGreen.eu - Tutti i diritti riservati. - PRIVACY

Reportage correlato che potrebbe interessarti (1 di 14)

Obsolescenza pianificata, il motore segreto della società del consumo

[Risparmio Energetico]