Reportage Tematici Green (257)
[ 1172 immagini ]
Bacheca Green
[ 862 post ]
Aziende Green
Soluzioni Green

 Autore del reportage
Nome: Elena Tavella

Su di me: Cantante, musicista, studente..

Interessi: Amo la difesa della natura, le energie rinnovabili ed il risparmio energetico.

Vivo a: IT, Vicenza

Specializzazione::

Webpage:
 
Reportage scritti [ 14 ]
Post in bacheca Green [ 34 ]
Commenti a reportage [ 11 ]
La deforestazione è legata al profitto delle multinazionali e non alla povertà
20/7/2011
Azioni per Salvare il Pianeta
7317  views
  Locazione: Le foreste
Invia ad un amico

Deforestazione, causata dal profitto o dalla povertà? Non c’è dubbio: dal profitto, parola di scienziati. La scelta non è tra la fame e deforestazione. Infatti non sono i poveri contadini a minacciare le foreste, ma le grandi multinazionali in cerca di facili profitti. Adesso è nero su bianco grazie ad un rapporto scientifico che sfata uno dei miti degli ultimi decenni.

La deforestazione è una delle principali cause del cambiamento climatico. E vale tanto per la deforestazione vera e propria, l’abbattimento di tutti gli alberi, che per il degrado, che mantiene il manto forestale, ma provoca rilascio di carbonio. Per questo è cruciale capire le cause della deforestazione. Uno studio pubblicato dalla Union of Concerned Scientists, spiega come i fattori trainanti della deforestazione sono radicalmente mutati nel ventunesimo secolo.

Per molti anni, la deforestazione tropicale è stata attribuita alla crescita della popolazione: all’espansione dell’agricoltura di sussistenza ai danni della foresta e alla raccolta di legna da ardere. Ma molti recenti studi scientifici dimostrano come i principali fattori trainainti della deforestazione tropicale siano le grandi imprese del legno, della carta e dell’agri-business, che da sole sarebbero responsabili di circa il 15 per cento di inquinamento del riscaldamento globale in tutto il mondo.

Le cause della deforestazione differiscono da regione a regione: soia e bestiame sono cruciali in Sud America, mentre legno, carta e olio di palma sono più importanti nel Sud-est asiatico.

Quali sono i fattori più importanti legati alla deforestazione?

Soia: Negli ultimi due decenni la coltivazione di soia in Amazzonia (impiegata prevalentemente per l’allevamento di capi bovini destinati ai mercati occidentali e dell’Asia orientale) ha subito una profonda trasformazione. In pochi anni, è cresciuta fino a diventare uno delle cause principali della deforestazione amazzonica, ma una moratoria volontaria sulla recente espansione della soia nelle foreste in Brasile, sta mitigando questo fattore.

Bovini e pascoli: utilizzo di bestiame per produrre cibo carne richiede grandi quantità di terreno per produrre quantità relativamente piccole di cibo. Da quando gli allevatori hanno abbattuto le foreste per farne pascoli, il bestiame e i loro pascoli sono divenuti un importante motore della deforestazione in Sud America.

Legno e carta: Il mercato globale dei prodotti in legno e legno crea pressione sui paesi tropicali per distruggere le loro foreste e produrre legname e cellulosa a basso costo. Questa domanda ha incrementato la pressione sulle foreste tropicali ed è una delle principali cause della deforestazione. Se la domanda di mobili, carta, materiali da costruzione, e altri prodotti in legno continuerà ad aumentare, le foreste tropicali primarie saranno probabilmente destinate all’abbattimento.

Olio di palma: produzione di olio di palma raddoppiata nel giro di dieci anni, e continua a crescere, dominando il mercato globale per olio vegetale. La maggior parte dell’olio di palma è prodotto in grandi piantagioni industriali, la cui espansione ha distrutto grandi aree di foresta pluviale in Indonesia e Malesia. L’area delle piantagioni di olio di palma nel Sud-est asiatico è triplicato in appena un decennio.

La domanda di questi prodotti è globale e proviene principalmente nelle aree urbane. Le recenti iniziative per affrontare alcune delle cause della deforestazione, come la pressione per cambiare l’industria della soia in Brasile, si sono rivelate un successo, mostrando come la deforestazione possa essere rallentato e fermato anche nei prossimi decenni.

Per fermare la deforestazione è necessario contenere la crescita della domanda di materie prime che la provocano. Sarà quindi necessario aumentare la produttività dei terreni già in uso e dirigere l’espansione dell’agricoltura verso aree già degradate, piuttosto che verso le foreste. La diffusione della produzione di biocarburanti, il che minaccia di creare una domanda di deforestazione non legata al cibo, potrebbe creare nuove e più forti pressioni sulle foreste tropicali. Ma se i recenti successi saranno replicati e diffusi in altri paesi tropicali, si può immaginare la fine della deforestazione nei prossimi decenni. Si tratterebbe di un successo di portata storica.

Tratto da www.salvaleforeste.it


  [Foto]




 [Video] ( Nessun video aggiunto )
REPORTAGE
 
La deforestazione è legata al profitto delle multinazionali e non alla povertà
 
posted on 7/20/2011 at 12:13


[Per inserire commenti devi essere iscritto su HowToBeGreen] JOIN NOW
Right.. ho visto moltissimi documentari in cui i poveri sono rappresentati come dai distruttori della natura in quanto "non hanno scelta" altrimenti non hanno di che vivere. E’ giusto smitizzare la questione.. è giusto individuare le vere responsabilità dove realmente si trovano. Credo che questo articolo vada nella giusta direzione.
 
Ultimi commenti

 
Potrebbero interessarti..
Carta e libri: il peso dell’editoria italiana sulle foreste di Sumatra
Veneto City: a cosa servono altri 2 milioni di metri cubi di cemento?
Biocarburanti, rapporto UE: inquinano 4 volta più della benzina
Green Film: il respiro della foresta indonesiana di Patrick Rouxell
Alberi in città, arrivano gli specialisti!
Campagna shock di Sea Shepherd, il Tonno Rosso come il Panda
Ecuador ed il disastro petrolifero ad opera della Chevron-Texaco
Le 10 piccole azioni quotidiane per salvare il Pianeta
Guida pdf e video per non mandare le Foreste a Rotoli
L’estrazione gas di scisto, la morte del pianeta un pozzo alla volta
Email e spam: qual'è l'impatto sull'ambiente?
Lavatrice: l’inquinamento prodotto dalle acque di scarico
ONU: la fame del mondo non si risolve con gli OGM ma con la politica
Ecopolis

© 2020 , HowToBeGreen.eu - Tutti i diritti riservati. - PRIVACY

Reportage correlato che potrebbe interessarti (1 di 14)

Alluminio, bauxite, inquinamento e Avatar: quale legame?

[Azioni per Salvare il Pianeta]