Reportage Tematici Green (257)
[ 1172 immagini ]
Bacheca Green
[ 862 post ]
Aziende Green
Soluzioni Green

 Autore del reportage
Nome: giuseppe tavella

Su di me: Docente di Elettronica, ricercatore nel campo delle Energie Rinnovabili mi occupo da molti anni di fotovoltaico, solare termico e geotermia a bassa entalpia. Viaggio da sempre con uno scooter elettric... >>

Interessi: Lo studio Green Technology offre un servizio di consulenza mirato all’integrazione delle diverse tecnologie ecologiche insieme ad uno studio delle soluzioni green più adatte alle esigenze specifiche d... >>

Locazione attività: IT, Veneto - Vicenza

Nome attività:
Green Technology

Descrizione attività: Studio di consulenza Energie Rinnovabili, in particolare geotermia a bassa temperatura (scambiatori verticali, orizzontali, a spirale etc), solare termico (per la produzione di acqua calda e riscaldam... >>

Informazioni di contatto: Via Monte Pasubio n.25 Vicenza

 
Profilo completo vedi ]
Reportage [ 34 ]
Post in bacheca [ 98 ]
Commenti [ 98 ]
Prima vittoria per le balene - chi è Sea Shepherd?
17/2/2011
Azioni per Salvare il Pianeta
5309  views
  Locazione: Mari antartici
Invia ad un amico

L’annuncio ufficiale è arrivato il giorno 16 febbraio 2011 dall’Agenzia della pesca giapponese: ’Il peschereccio Nisshin Maru che è inseguito dalle imbarcazioni di Sea Shepherd - ha dichiarato Tatsuya Nakaoku, portavoce ufficiale dell’Agenzia - ha sospeso l’attività dal 10 febbraio per ragioni di sicurezza. E stiamo valutando la possibilità di fermare prematuramente la missione’. La flotta baleniera giapponese, composta da un equipaggio di 180 persone su quattro navi, aveva fatto rotta verso i mari antartici l’anno scorso con il PROPOSITO DI CATTURARE 850 BALENOTTERE entro la fine di marzo.
Ma la situazione si è andata facendo sempre più difficile per i continui scontri diplomatici con l’Australia e la nuova Zelanda. Il governo di Canberra, in particolare, aveva presentato nel 2010 una denuncia contro il Giappone al tribunale internazionale dell’Aja.

IL VERO INCUBO DELLE BALENIERE GIAPPONESI SONO GLI ATTIVISTI DELLA SEA SHEPHERD. Con le loro navi attrezzate, tra cui l’intercettatore superveloce Gojira, non danno tregua alle baleniere nipponiche.

CHI E’ SEA SHEPHERD?

La Sea Shepherd è un’organizzazione no profit, registrata negli Stati Uniti e una fondazione (Stichting) registrata in Olanda. I membri si autodefiniscono eco-pirati e navigano battendo bandiera nera (Jolly Roger), che è anche il logo dell’associazione, sotto la quale vengono intraprese le campagne che l’associazione dice siano basate sulla Carta Internazionale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per la Natura (1982) ed altre leggi a tutela delle specie e dell’ambiente marino.

L’organizzazione è stata fondata nel 1977 da Paul Watson, uno dei tre fondatori di Greenpeace, dopo aver concluso che il testimoniare "con contegno" ai disastri ambientali era una risposta inadeguata se confrontata all’applicazione dell’attuale sistema internazionale di leggi, regolamenti e trattati.

Contrariamente a Greenpeace, che ha scelto di evitare il danneggiamento delle navi baleniere nell’oceano, la Sea Shepherd appoggia una intenzionale politica di affondamento o sabotaggio delle navi che sono ritenute colpevoli di aver violato le normative internazionali in merito alla caccia delle balene.


  [Foto]




 [Video] ( Nessun video aggiunto )
REPORTAGE
 
Prima vittoria per le balene - chi è Sea Shepherd?
 
posted on 2/17/2011 at 12:43


[Per inserire commenti devi essere iscritto su HowToBeGreen] JOIN NOW
Questa è una cosa fantastica. W Sea Shepherd! Li conosco bene.. ho seguito quasi tutte le puntante su Sky qui in Italia e questo risultato, seppur parziale, mi rincuora tantissimo.
 
Questo è quello che voglio sentire.. fanno bene a battersi con tutti i mezzi..se contro certi bastardi di cacciatori le parole non servono allora ben vengano gli scontri fisici.. l’impedimento tattico.
 
Nel frattempo Greenpeace sul suo blog nemmeno nomina Sea Sheperd...
 
Esatto Arte, questo fa piuttosto fastidio! Anche perchè in questo caso la "diplomazia ambientale" attuata da Greenpeace non ha portato ad alcun risultato di rilievo. In certi casi serve forza e determinazione fisica contro gli assassini del pianeta.. non congressi e promesse di accordi aggirabili a piacere. W gli eco-guerrieri! :)
 
Guarda la Video Intervista

Ultimi commenti

 
Potrebbero interessarti..
L’Italia e la pesca illegale nel mediterraneo
Centrali a CARBONE: tra minaccia reale e illusione futura
Produciamo abbastanza cibo per 10 miliardi di persone, ma la fame è in aumento. Perchè?
Petrolio da sabbie bituminose: il pianeta può aspettare
ONU: la fame del mondo non si risolve con gli OGM ma con la politica
Succo d’arancia: il consumo d’acqua e la contaminazione alimentare
Lavatrice: l’inquinamento prodotto dalle acque di scarico
10 piccole azioni per salvare il pianeta a SCUOLA
I 10 luoghi più incontaminati del nostro pianeta Terra
Le 10 piccole azioni quotidiane per salvare il Pianeta
Obsolescenza pianificata, il motore segreto della società del consumo
Taiji e la strage quotidiana di delfini globicefali
Ecuador ed il disastro petrolifero ad opera della Chevron-Texaco
Ecopolis

© 2021 , HowToBeGreen.eu - Tutti i diritti riservati. - PRIVACY

Reportage correlato che potrebbe interessarti (1 di 14)

Chiedi agli esperti: Qual’è la risorsa più scarsa che il mondo s..

[Azioni per Salvare il Pianeta]