Reportage Tematici Green (257)
[ 1172 immagini ]
Bacheca Green
[ 862 post ]
Aziende Green
Soluzioni Green

 Autore del reportage
Nome: Alessandro Furiato

Su di me: Redazione di HowToBeGreen - Esperto in tecnologie a basso impatto ambientale, consulente.

Interessi: Amo viaggiare nel mondo alla ricerca di soluzioni per molti dei problemi energetici che affliggono il pianeta

Vivo a: IT, vicenza

Specializzazione:: Perito elettrotecnico

Webpage:
 
Reportage scritti [ 17 ]
Post in bacheca Green [ 52 ]
Commenti a reportage [ 46 ]
Veicoli elettrici e terre rare: la soluzione sta nel nuovo motore SRM
4/7/2011
Idee Green
9673  views
  Locazione: Nel mondo
Invia ad un amico

Veicoli elettrici, terre rare e motori a riluttanza commutata. Come noto le auto elettriche utilizzano batterie speciali per immagazzinare energia e per la costruzione delle stesse sono impiegate materiali facenti parti del gruppo delle 14 materie prime valutate come critiche, fra cui: antimonio, berillio, cobalto, fluorite, gallio, germanio, grafite, indio, magnesio, niobio, MGP (Platinum Group Metals), terre rare, tantalio e tungsteno. (vedi reportage specifico: www.howtobegreen.eu/greenreport.asp?title=408 ).

Non solo: anche i motori elettrici e quindi NON solo le batterie sono realizzati utilizzando metalli appartenenti al gruppo delle terre rare (in particolare il neodimio).

Costruire un veicolo come la Toyota Prius richiede da 8 a 10 kg di metalli delle terre rare, tra cui due più chili di neodimio. Considerando che il 95 percento delle Terre Rare si trovano in Cina e che il governo ha messo in atto una serie di freni per rallentarne le esportazioni, è chiaro che qualsiasi soluzione che non ne contempli l’uso si sta facendo molto interessante.

Quale soluzione per ottenere dei motori elettrici che non utilizzino il neodimio?

Una tecnologia - sviluppata da St. Louis, Nidec Motor - denominata motore a riluttanza commutata (SRM), potrebbe offrire una valida alternativa a quelli finora progettati per i veicoli elettrici. I motori SRM utilizzano un rotore in acciaio a velocità variabile il quale gira all’interno di un alloggiamento che contiene fasci di fili. Secondo il vicepresidente della Nidec Motor, Nieberle Scott, è essenzialmente possibile ottenere lo stesso tipo di prestazioni senza bisogno di utilizzare magneti realizzati con terre rare.

I motori a riluttanza commutata SRM sono già una realtà.

La fattibilità commerciale dei motori SRM è aumentata negli ultimi tre decenni. Nei primi mesi del 2011, John Deere ha lanciato due caricatori ibridi diesel-elettrico dotati di motori SRM.

Nonostante i motori SRM non siano stati progettati appositamente per applicazioni su veicoli elettrici, secondo la Nidec Motor, renderli competitivi con quelli utilizzanti terre rare è solo una questione di volontà, non di tecnica.


  [Foto]




 [Video] ( Nessun video aggiunto )
REPORTAGE
 
Veicoli elettrici e terre rare: la soluzione sta nel nuovo motore SRM
 
posted on 7/4/2011 at 11:18


[Per inserire commenti devi essere iscritto su HowToBeGreen] JOIN NOW
Leggo su Repubblica una notizia proprio relativa alle terre rare: "Vasti depositi di terre rare, minerali preziosi per l’hi-tech, sono stati scoperti sul fondo dell’Oceano Pacifico. Lo hanno annunciato oggi ricercatori giapponesi dell’Università di Tokyo e della Japan Agency for Marine-Earth Science and Technology che stimano 100 miliardi di tonnellate di minerali nei fondali, circa 1.000 volte quelli stimati sulla terraferma.

I depositi si trovano in un’area che si estende a est e ovest delle Hawaii e ad est di Tahiti nella Polinesia francese."
 
Ultimi commenti

 

© 2021 , HowToBeGreen.eu - Tutti i diritti riservati. - PRIVACY

Reportage correlato che potrebbe interessarti (1 di 14)

Terre rare, approvvigionamento ed auto elettriche: una questione delic..

[Idee Green]