Reportage Tematici Green (257)
[ 1172 immagini ]
Bacheca Green
[ 862 post ]
Aziende Green
Soluzioni Green

 Autore del reportage
Nome: monica tavella

Su di me: Amo la natura ed insegnare ai piccini il rispetto per il creato.

Interessi: Musica e fotografia. Cantante e flautista.

Vivo a: IT, Veneto Vicenza

Specializzazione:: Maestra elementare

Webpage:
 
Reportage scritti [ 11 ]
Post in bacheca Green [ 33 ]
Commenti a reportage [ 7 ]
La contaminazione di fiumi e falde nel Nord e Sud del mondo
30/5/2011
Azioni per Salvare il Pianeta
10495  views
  Locazione: pianeta terra
Invia ad un amico

Inquinamento ambientale di fiumi e falde, contaminazione bioaccumulante, rischi per la salute umana e del pianeta. L’inquinamento industriale rappresenta una pericolosa minaccia per il Pianeta ed in particolare per le risorse idriche su cui agiscono altri fenomeni gravi, come il cambiamento climatico. Il problema è particolarmente serio nei paesi del Sud del mondo dove è tra l’altro diffusa l’opinione che l’inquinamento sia il prezzo da pagare per il progresso. È inoltre prassi ritenere che la lotta all’inquinamento sia eccessivamente costosa, che la prevenzione sia troppo difficile o
impraticabile e che gli effetti ambientali e sociali potranno essere affrontati in futuro.

[Fiumi contaminati nel Nord del mondo]

- La regione di Basilea, durante decenni di attività produttive industriali (industrie chimiche e farmaceutiche), è stata oggetto di un forte inquinamento delle falde acquifere. I principali responsabili, fra cui Novartis, Roche, Syngenta e Ciba (adesso BASF) – hanno investito molto tempo, risorse e denaro per la ricerca di soluzioni e la realizzazione di attività di risanamento ambientale.

- Il fiume Hudson, nello stato di New York (USA), è stato per decenni il bacino di smaltimento delle acque di scarico dalla General Electric (GE) contaminate dai policlorobifenili (PCB), oggi vietati. Nonostante gli sversamenti siano stati fermati circa 30 anni fa, il fiume è ancora inquinato. Le prime operazioni di recupero sono iniziate ma si prevedono successi solo parziali: GE pagherà 1,4 miliardi di dollari per la bonifica.

- Il delta del Reno, in Olanda, è stato inquinato dall’espansione delle attività industriali nel secondo dopoguerra, ma sono i contribuenti olandesi di oggi a pagare per la bonifica che dal 1997 è costata circa 2,8 milioni di euro.

- Anche il fiume Laborec, in Slovacchia, è stato inquinato dai PCB: l’area è una delle più contaminate d’Europa ma nonostante la promessa di aiuti internazionali la bonifica non è mai cominciata e la popolazione locale soffre di un impatto sanitario documentato.

[Fiumi contaminati nel Sud del mondo]

- Il fiume Chao Praya in Thailandia è uno dei più importanti sistemi fluviali del Paese, abitato da 13 milioni di persone che convivono con oltre 30.000 impianti industriali, fra cartiere, impianti tessili e alimentari. Si sa poco delle emissioni di queste industrie ma è nota la presenza di sostanze pericolose (come metalli, ftalati e nonilfenolo).

- In Russia, il fiume Neva, il terzo più grande d’Europa, fornisce acqua potabile ai 5 milioni di abitanti di S. Pietroburgo e dintorni. È stato contaminato da scarichi di attività industriali (legali e non) tra cui spiccano impianti di produzione di articoli elettrici ed elettronici. Poche delle sostanze persistenti e potenzialmente pericolose sono oggetto di regolare monitoraggio e mancano sia le informazioni alla popolazione che gli incentivi alle aziende per aumentarne la sostenibilità.

- Uno dei corsi fluviali più inquinati al mondo è il fiume Marilao nelle Filippine dove concerie, raffinerie di metalli preziosi, discariche municipali e impianti di riciclaggio sversano i loro reflui. Le autorità filippine nel 2008 hanno adottato un piano di risanamento decennale: si cerca di risolvere il problema con misure di mitigazione del danno piuttosto che eliminare alla fonte l’uso delle sostanze chimiche pericolose.

- Il Fiume Azzurro Yangtze, in Cina. Da sempre è stato al centro delle attività culturali e industriali dell’area e oggi, il distretto industriale circostante, contribuisce al 40% del prodotto interno lordo cinese. Le principali industrie includono impianti chimici, di raffinazione del petrolio, di lavorazione del combustibile nucleare, aziende tessili e di produzione elettrica ed elettronica. Ma lo Yangtze fornisce acqua potabile a circa 20 milioni di persone, anche se il ministero dell’Ambiente nel 2008 ha pubblicato un report in cui si dichiara che il 15% delle acque non sono potabili.

Tratto da un report di Greenpeace "Danni Sommersi".


  [Foto]




 [Video] ( Nessun video aggiunto )
REPORTAGE
 
La contaminazione di fiumi e falde nel Nord e Sud del mondo
 
posted on 5/30/2011 at 11:26


[Per inserire commenti devi essere iscritto su HowToBeGreen] JOIN NOW
Proponiamo un bel referendum per mettere al bando tutta l’industria chimica? No? E perché nemmeno Greenpeace lo propone? Forse perché i vantaggi della chimica sono più evidenti di quelli del nucleare?
 
Ultimi commenti

 
Potrebbero interessarti..
Centrali a CARBONE: tra minaccia reale e illusione futura
Carta e libri: il peso dell’editoria italiana sulle foreste di Sumatra
La biomassa: una fonte rinnovabile INSOSTENIBILE per colpa del libero mercato
Salviamo la vita a 2500 cani destinati alla vivisezione a Green Hill in Italia
Il veicolo più ecologico del momento
ONU: la fame del mondo non si risolve con gli OGM ma con la politica
Succo d’arancia: il consumo d’acqua e la contaminazione alimentare
Green Film: il respiro della foresta indonesiana di Patrick Rouxell
Veneto City: a cosa servono altri 2 milioni di metri cubi di cemento?
Taiji e la strage quotidiana di delfini globicefali
Nucleare: dialogo fra ambientalisti pro e contro - Video
La deforestazione è legata al profitto delle multinazionali e non alla povertà
Salviamo il tonno dal rischio estinzione: stop alla pesca selvaggia
Lo sporco e crudele business delle pellicce di animali

© 2020 , HowToBeGreen.eu - Tutti i diritti riservati. - PRIVACY

Reportage correlato che potrebbe interessarti (1 di 14)

Come fare un buon compost sfruttando il rifiuto umido domestico

[Azioni per Salvare il Pianeta]