Reportage Tematici Green (257)
[ 1172 immagini ]
Bacheca Green
[ 862 post ]
Aziende Green
Soluzioni Green

 Autore del reportage
Nome: monica tavella

Su di me: Amo la natura ed insegnare ai piccini il rispetto per il creato.

Interessi: Musica e fotografia. Cantante e flautista.

Vivo a: IT, Veneto Vicenza

Specializzazione:: Maestra elementare

Webpage:
 
Reportage scritti [ 11 ]
Post in bacheca Green [ 33 ]
Commenti a reportage [ 7 ]
Conoscere per agire. Quando il bucato inquina: nonilfenoli etossilati
3/4/2012
Azioni per Salvare il Pianeta
8147  views
  Locazione: Nel mondo
Invia ad un amico

La conoscenza è chiaramente la prima strada da percorrere per abbracciare il cambiamento. Scopro, leggendo su un articolo di Greenpeace, che dietro molti capi firmati, le pubblicità accattivanti ed il fascino delle passerelle c’è un mondo di inquinamento tossico che si riversa lentamente, ogni volta che facciamo il bucato, nei fiumi e nei mari di tutto il mondo. Cosa possiamo fare?

Tratto da Greenpeace: [ Se hai fatto il bucato in lavatrice con vestiti Kappa, Ralph Lauren o Calvin Klein, sappi che sei complice inconsapevole dell’inquinamento delle risorse idriche. Sì perché il nostro rapporto “Panni Sporchi 3” rivela come alcune sostanze pericolose usate per la produzione di abiti di grandi marche vengono rilasciate nell’ambiente dopo il lavaggio degli articoli in lavatrice. Una volta disperse in acqua, queste sostanze non sono trattenute dai sistemi di depurazione e si trasformano in nonilfenolo, un composto tossico e in grado di alterare, anche a livelli molto bassi, il sistema ormonale dell’uomo.

L’indagine - condotta su quattordici prodotti tessili dei marchi Abercrombie & Fitch, Adidas, Calvin Klein, Converse, G-Star RAW, H&M, Kappa, Lacoste, Li Ning, Nike, Puma, Ralph Lauren, Uniqlo e Youngor - misura per la prima volta la variazione delle quantità di nonilfenoli etossilati presenti nel tessuto prima e dopo il lavaggio domestico. In quasi la metà dei campioni, oltre l’80 per cento di nonilfenoli etossilati presenti nell’articolo appena comprato sono fuoriusciti dopo un solo lavaggio.

Questo significa che l’impatto dell’industria dell’abbigliamento non si ferma al Paese di produzione ma arriva ai Paesi consumatori. È in atto un ciclo globale dell’inquinamento tossico. Le aziende tessili devono affrontare il problema e impegnarsi per l’eliminazione delle sostanze pericolose nell’intera filiera. Anche se l’uso di nonilfenoli etossilati nell’industria tessile è bandito nell’Unione europea, queste sostanze pericolose, infatti, continuano ad arrivare tramite canali di mercato.

Si stima che ogni anno nelle acque europee vengono sversate da ignari consumatori tonnellate di prodotti nocivi: è il momento per il settore tessile di fare passi concreti verso l’adozione di alternative più sicure ai composti chimici inquinanti. Devono accogliere la sfida “Detox”.

In Italia, nonostante le ripetute sollecitazioni di Greenpeace, rimane ferma Kappa, del gruppo BasicNet, proprietaria anche dei marchi Superga e K-way. Nei suoi prodotti sono stati ritrovati nonilfenoli etossilati. Ancora per quanto tempo Kappa si rifiuterà di ripulire dai veleni la sua filiera produttiva? ]

Adesso che lo sai e vuoi essere green inside.. cosa pensi di fare?
Monica.


  [Foto]




 [Video]

 
Ecco un "piccolo segreto" per la giornata mondiale dell’acqua.. guarda il video!  
 
 


REPORTAGE
 
Conoscere per agire. Quando il bucato inquina: nonilfenoli etossilati
 
posted on 3/4/2012 at 12:23


[Per inserire commenti devi essere iscritto su HowToBeGreen] JOIN NOW
Per come la vedo io.. considero LO SHOPPING la vera minaccia. Acquistare continuamente da vestire quando non se ne ha per nulla bisogno è un assurdo apocalittico. E nessuno dica che la moda fa bene all’economia in tempo di crisi: è il pianeta che ormai è in crisi nera, totale ed irrecuperabile.
 
Ultimi commenti

 
Potrebbero interessarti..
Ecuador ed il disastro petrolifero ad opera della Chevron-Texaco
Succo d’arancia: il consumo d’acqua e la contaminazione alimentare
Salviamo il tonno dal rischio estinzione: stop alla pesca selvaggia
ONU: la fame del mondo non si risolve con gli OGM ma con la politica
Over Packaging: inquinare il mondo una banana alla volta
Petrolio da sabbie bituminose: il pianeta può aspettare
I 10 luoghi più incontaminati del nostro pianeta Terra
Essere green ed il crollo dell’economica mondiale previsto per il 2030
La biomassa: una fonte rinnovabile INSOSTENIBILE per colpa del libero mercato
Carta e libri: il peso dell’editoria italiana sulle foreste di Sumatra
Ecopolis
Lo sporco e crudele business delle pellicce di animali
Obsolescenza pianificata, il motore segreto della società del consumo
Nucleare: contaminato lago Ontario

© 2022 , HowToBeGreen.eu - Tutti i diritti riservati. - PRIVACY

Reportage correlato che potrebbe interessarti (1 di 14)

Quattro ingredienti insostituibili per le pulizie ecologiche (e non so..

[Azioni per Salvare il Pianeta]