Reportage Tematici Green (257)
[ 1172 immagini ]
Bacheca Green
[ 862 post ]
Aziende Green
Soluzioni Green

 Autore del reportage
Nome: giuseppe tavella

Su di me: Docente di Elettronica, ricercatore nel campo delle Energie Rinnovabili mi occupo da molti anni di fotovoltaico, solare termico e geotermia a bassa entalpia. Viaggio da sempre con uno scooter elettric... >>

Interessi: Lo studio Green Technology offre un servizio di consulenza mirato all’integrazione delle diverse tecnologie ecologiche insieme ad uno studio delle soluzioni green più adatte alle esigenze specifiche d... >>

Locazione attività: IT, Veneto - Vicenza

Nome attività:
Green Technology

Descrizione attività: Studio di consulenza Energie Rinnovabili, in particolare geotermia a bassa temperatura (scambiatori verticali, orizzontali, a spirale etc), solare termico (per la produzione di acqua calda e riscaldam... >>

Informazioni di contatto: Via Monte Pasubio n.25 Vicenza

 
Profilo completo vedi ]
Reportage [ 34 ]
Post in bacheca [ 98 ]
Commenti [ 98 ]
Fermare le perforazioni petrolifere nel Mare del Nord
14/10/2010
Azioni per Salvare il Pianeta
5140  views
  Locazione: Mare del Nord
 [ 0 commenti ]
Invia ad un amico

La nave della multinazionale petrolifera Chevron è un gigante di 228 metri. Il blocco di Greenpeace è cominciato la settimana scorsa, quando due attivisti, Victor e Anais, si sono arrampicati sugli anelli dell’ancora della Stena Carron montando un modulo di sopravvivenza, a 9 metri dal livello del mare. Un modulo attrezzato e provvisto di tutto il necessario, che è stato occupato da altri due attivisti, Timo e Nazareth, per più di due giorni.

Dopo cento ore di resistenza agganciati alla nave, sabato siamo stati costretti a scendere dal modulo di sopravvivenza. L’ingiunzione è arrivata dal tribunale, pena una multa molto salata, che avremmo dovuto pagare con i soldi dei sostenitori. Abbiamo deciso di scendere ma la protesta non si è fermata. Ieri, in tarda mattinata, quattro attivisti sono partiti dall’Esperanza e hanno raggiunto con dei gommoni la Stena Carron. Muniti di galleggianti, boa di segnalazione e tute di sopravvivenza si sono tuffati sulla rotta della nave, impedendole di nuovo di proseguire.

In parallelo con l’intervento al largo delle isole Shetland, stiamo portando avanti un’azione legale contro il governo del primo ministro britannico, Cameron, per impedirgli di rilasciare nuovi permessi di esplorazione. Greenpeace vuole difendere l’ecosistema del Mare del Nord dal pericolo di sversamenti, e salvaguardarne la grande bellezza.

Puntini arancioni sulla fiancata blu del gigante Stena Carron, i nostri attivisti ce l’hanno fatta, armati solo di salvagente e forza di volontà, dove i grandi della politica internazionale per adesso hanno fallito.

Il disastro della Bp nel Golfo del Messico dovrebbe insegnare. Quello delle perforazioni è un azzardo altissimo e la nostra dipendenza dal petrolio una rischiosa schiavitù. Per questo attivisti e volontari di Greenpeace rimangono lì dove sono, dandosi il cambio giorno e notte per impedire alla Stena Carron di proseguire. Continueremo a chiedere una moratoria contro le perforazioni off-shore in acque profonde. Intanto i ministri dell’Ambiente dei Paesi che si affacciano sul Mare del Nord si sono riuniti a Bergen, in Norvegia. Nell’ambito della convenzione OSPAR (per la protezione dell’ambiente marino dell’Atlantico nordorientale) avrebbero dovuto discutere di una moratoria contro le perforazioni off-shore in acque profonde, avanzata dalla Germania. Ma è stato l’ennesimo nulla di fatto.

Tratto dal sito di Greenpeace www.greenpeace.it


  [Foto]




 [Video]

 
Guarda il video dell’assalto degli attivisti di Greenpeace contro la trivellatrice della Chevron  
 
 


REPORTAGE
 
Fermare le perforazioni petrolifere nel Mare del Nord
 
posted on 10/14/2010 at 17:11


[Per inserire commenti devi essere iscritto su HowToBeGreen] JOIN NOW
Guarda la Video Intervista

Ultimi commenti

 
Potrebbero interessarti..
Over Packaging: inquinare il mondo una banana alla volta
La biomassa: una fonte rinnovabile INSOSTENIBILE per colpa del libero mercato
Succo d’arancia: il consumo d’acqua e la contaminazione alimentare
Campagna shock di Sea Shepherd, il Tonno Rosso come il Panda
L’estrazione gas di scisto, la morte del pianeta un pozzo alla volta
Nucleare: contaminato lago Ontario
Salviamo il tonno dal rischio estinzione: stop alla pesca selvaggia
Alberi in città, arrivano gli specialisti!
Carta e libri: il peso dell’editoria italiana sulle foreste di Sumatra
I 10 luoghi più incontaminati del nostro pianeta Terra
Taiji e la strage quotidiana di delfini globicefali
Lavatrice: l’inquinamento prodotto dalle acque di scarico
Emilia-Romagna: stop alle trivellazioni
Green Film: il respiro della foresta indonesiana di Patrick Rouxell

© 2024 , HowToBeGreen.eu - Tutti i diritti riservati. - PRIVACY

Reportage correlato che potrebbe interessarti (1 di 14)

Salviamo la vita a 2500 cani destinati alla vivisezione a Green Hill i..

[Azioni per Salvare il Pianeta]