Reportage Tematici Green (257)
[ 1172 immagini ]
Bacheca Green
[ 862 post ]
Aziende Green
Soluzioni Green

 Autore del reportage
Nome: Vannessa Hartnett

Su di me: amante della natura

Interessi: amo viaggiare

Vivo a: United States, CA

Specializzazione::

Webpage:
 
Reportage scritti [ 7 ]
Post in bacheca Green [ 17 ]
Commenti a reportage [ 15 ]
Cina fra crescita economica, profitti e rifiuti: quale speranza?
23/6/2011
Riciclo & Riutilizzo
5831  views
  Locazione: Cina
Invia ad un amico

Cina, crescita economica accelerata, rifiuti e logica del profitto prima di tutto. In Cina, si stima che oltre il 90 percento dei rifiuti industriali non sono riciclati che questi rifiuti, provenienti dai migliaia di cantieri avviati negli ultimi anni, vengono ammassati a cielo aperto in discariche abusive inquinando terra e acqua.

Che cosa alimenta tutta questa crescita economica? Per lo più la speculazione edilizia. La crescita è divenuta negli ultimi anni così irresistibile da diventare insostenibile in quanto di fatto tutta poggiante sulla corsa al CEMENTO quale conseguenza diretta di 460 miliardi di euro messi in gioco per la rinascita economica cinese.

Allo stato attuale sono in costruzione quasi 40 milioni di case popolari, 100 aeroporti, migliaia di chilometri di linee ferroviarie e quasi due miliardi di metri quadri fra uffici e appartamenti costruiti OGNI ANNO.

Quale la conseguenza? La Cina si mangia oltre il 40 percento dell’acciaio e del cemento prodotto in tutto il mondo. Come riportato su Greenreport.it "Nella sola Pechino, su 100 milioni di tonnellate di rifiuti prodotti ogni giorno, il 40 percento proviene dai cantieri edili, una quota sette volte più alta della media dei Paesi industrializzati occidentali. Solamente il 5 percento di questi rifiuti è trattato secondo la legge ed appena l’1 percento è riciclato".

Si pensi che il metallo abbandonato quando arrugginisce contamina fortemente il suolo e le falde freatiche. Non solo, anche il cemento inquina liberando importanti livelli di carbonato di calcio. Questo comporta aumento dell’acidità nel suolo e l’impossibilità di coltivarlo.

E pensare che il governo ha una legislazione che obbliga tutti i produttori/costruttori di riciclare i loro rifiuti. E perchè nessuno controlla? Perchè ci sono troppi interessi economici in ballo e nessuno ha nell’interesse all’aumento dei costi legati allo smaltimento e riciclaggio dei propri rifiuti.

Uno fra i più importanti centri per i rifiuti di Pechino, lo Yuantaida Buildings Materials Science and Technology Corporation, è in grado di trattare fino ad 1,5 milioni di tonnellate di rifiuti all’anno ma in realtà ne tratta soltanto tra le 300 e 500 mila tonnellate, ovvero un terzo in meno della propria capacità. E perchè? Secondo Wu Jianmin, il direttore del centro della Yuantaida, "I costruttori non hanno interesse a conferirci i loro rifiuti perché i nostri costi vanno ad appesantire le loro fatture. Come centro abbiamo anche difficoltà ad essere competitivi in quanto, per esempio, i nostri mattoni riciclati sono più cari dei materiali classici".

Ovvero? La solita logica del denaro-profitto porta alla convenienza di continuare ad inquinare e non riciclare. In un modello capitalista ciò che non conviene economicamente viene scartato. E intanto il pianeta può attendere.


  [Foto]




 [Video] ( Nessun video aggiunto )
REPORTAGE
 
Cina fra crescita economica, profitti e rifiuti: quale speranza?
 
posted on 6/23/2011 at 12:00


[Per inserire commenti devi essere iscritto su HowToBeGreen] JOIN NOW
...e chi prima meno aveva ora umanamente auspica avere di più...

Mi piace scriverlo per combattere l’ignorante pregiudizio.

Tutto vero?

Certo che lo è, così come è in parte l’effetto Cina ed altri, ad averci messo in ginocchio anche dal punto di vista economico.

Credo che la Cina abbia anche recentemente tolto agli USA il primato della spesa in armamenti.

Il reportage e queste poche, semplici riflessioni rendono perfettamente a mio avviso l’idea di come vada da sempre il mondo.

Che si può fare dunque con chi ricalca le orme dell’imperfezione umana?

Difficile...l’unica filosofia valida resta forse perseguire il dialogo ad altranza, mettendo però al primo posto la propria coscienza.

Buon pomeriggio

Sergio Capraro
 
Ultimi commenti

 
Potrebbero interessarti..
Compostaggio: le buone regole da seguire per il compost domestico
La bioplastica - una soluzione che non affama il pianeta
Bioplastiche: biologiche, biodegradabili, riciclabili e atossiche: è così?
Acqua: ecco perchè è così importante non sprecarla
Le enormi potenzialità del carbone agricolo (biochar) prodotto dalle biomasse
La mia prima esperienza con i pannolini lavabili in cotone e bambù
La storia delle cose - Video documentario
’’Ri-scarpa’’ si riciclano le scarpe
La verdura in vaschette di plastica biocompostabile
Alluminio, bauxite, inquinamento e Avatar: quale legame?
La plastica biodegradabile e compostabile: cosa c’è da sapere
Sacchetto di plastica VADE RETRO
Sacchetto biodegradabile? Meglio tornare alla sporta
Riciclo delle plastiche: come valorizzarle e riportarle a nuova vita

© 2021 , HowToBeGreen.eu - Tutti i diritti riservati. - PRIVACY

Reportage correlato che potrebbe interessarti (1 di 14)

Risparmio ed oculatezza: rimedi certi

[Riciclo & Riutilizzo]