Reportage Tematici Green (257)
[ 1172 immagini ]
Bacheca Green
[ 862 post ]
Aziende Green
Soluzioni Green

 Autore del reportage
Nome: Peter Aiaccio

Su di me: Amo combattere per quello che credo sia giusto

Interessi: Causa ambientale, Cinema, Musica

Vivo a: IT, Veneto

Specializzazione:: Scienze ambientali

Webpage:
 
Reportage scritti [ 16 ]
Post in bacheca Green [ 40 ]
Commenti a reportage [ 24 ]
Centrali a CARBONE: tra minaccia reale e illusione futura
31/1/2011
Azioni per Salvare il Pianeta
4686  views
  Locazione: Italia - Mondo
Invia ad un amico

Il carbone è il primo nemico dell’equilibrio climatico del Pianeta: oltre un terzo delle emissioni mondiali di CO2 si devono all’uso di carbone, che è il combustibile fossile con le più alte emissioni specifiche di gas serra, circa il triplo del gas.

La battaglia per salvare il Pianeta dalla crisi climatica è dunque una battaglia CONTRO IL CARBONE. Tuttavia, agli attuali tassi di sviluppo, le emissioni dalla più sporca fonte fossile sono destinate ad aumentare del 60 percento al 2030. Se così fosse, non avremo alcuna speranza di limitare gli effetti più devastanti e irreversibili dei cambiamenti climatici.

Il momento di intervenire è ora, e il carbone è alla base del problema. Ogni nuova centrale a carbone è un atto criminale contro la sopravvivenza della vita stessa sul Pianeta Terra. Occorre abbandonare al più presto la nostra dipendenza da questo combustibile fossile, a favore di una rivoluzione energetica basata su fonti rinnovabili ed efficienza energetica.

In tutto il mondo gli uffici di Greenpeace sono dunque impegnati in attività contro l’apertura di nuove centrali, e nel denunciare i danni causati dal carbone:

MINACCIA REALE:

Dall’estrazione alla combustione, il carbone è causa di impatti devastanti per l’ambiente e per la salute delle persone. Ad esempio in Cina si stima che la combustione del carbone sia la prima fonte di inquinamento atmosferico, responsabile di 350-400 mila morti ogni anno. L’industria del carbone non sta sostenendo i costi economici di questi impatti, che ricadono sulle comunità locali e sulla società in genere.

Nel rapporto “I Veri Costi del Carbone” Greenpeace ha messo ben in evidenza che il carbone è il combustibile più economico solamente perché il suo prezzo di mercato non comprende i “costi esterni” connessi ai gravi impatti per l’ambiente e per le persone, ma solo i costi legati all’estrazione del minerale, al trasporto, tasse e profitti.

I gravi impatti non si devono solo alle emissioni di gas serra, ma comprendono anche la deforestazione e la distruzione di interi ecosistemi per e miniere, la contaminazione di suoli e di acque superficiali e di falda, la violazione di diritti umani sia dei lavoratori che delle comunità che vivono nei pressi delle miniere di estrazione del carbone, i prodotti di scarto delle lavorazioni che veicolano nell’ambiente composti tossici come mercurio e arsenico.
Se tutti questi “costi esterni” venissero conteggiati nel prezzo di mercato del carbone, la convenienza economica di realizzare nuove centrali verrebbe meno, a vantaggio delle fonti rinnovabili.

Il rapporto di Greenpeace stima che i costi esterni del carbone sono ammontati a circa 356 miliardi di euro nel 2007.

ILLUSIONE FUTURA:

Nonostante questo, l’industria del carbone sta tentando di presentare il carbone come “pulito”, sostenendo che sarebbe possibile, con tecniche di “cattura e stoccaggio” (CCS), confinare le emissioni di CO2 sottoterra. In realtà stoccare la CO2 sottoterra è solo un’illusione. Il CCS è una tecnologia estremamente costosa, rischiosa e immatura, e non potrà essere commercialmente disponibile prima del 2030. Fino al 2030 il “carbone pulito” rimarrà una sporca bugia per consentire la costruzione di centrali che continueranno a emettere CO2 per i prossimi vent’anni!

Tratto da Greenpeace: http://www.greenpeace.org/italy/rivoluzione-energetica/energia-e-clima/sporco-carbone


In allegato ho inserito alcune foto scattate dal sottoscritto mentre viaggiavo tra il New Mexico e l’Arizona negli USA. Lo spettacolo, come ben visibile, è veramente osceno.


  [Foto]




 [Video] ( Nessun video aggiunto )
REPORTAGE
 
Centrali a CARBONE: tra minaccia reale e illusione futura
 
posted on 1/31/2011 at 21:17


[Per inserire commenti devi essere iscritto su HowToBeGreen] JOIN NOW
Credo che la cattura della CO2 resterà improponibile anche dopo il 2030: i volumi in gioco sono ENORMI ed il pericolo di un deposito di CO2 non è da sottovalutare: una fuga di CO2, che è denso ed inodore e quindi ristagna al suolo senza dare segno di sé può asfissiare in silenzio persone ed animali. Eventi di questo tipo sono successi anni fa in Africa per cause vulcaniche.

Quello che Greenpeace non fa, dopo aver stilato questo bel documento, è prendere atto che il carbone con le sue enormi emissioni gassose e pulviscolari è un nemico peggiore del nucleare, in cui le scorie sono poche e solide.
Il Carbone in Italia fa ogni anno più morti di Chernobyl. Purtroppo sostituirlo con le rinnovabili è un’altra illusione allo stato attuale delle tecnologie, soprattutto per la questione dello stoccaggio e dell’intermittenza.
 
Onestamente non vedo come una soluzione valida per il presente ne tanto meno per il futuro rimpiazzare le attuali centrali a carbone con delle corrispondenti nucleari. In nessuna discussione seria sul piano tecnico-scientifico in merito ad una rivoluzione energetica radicale (perchè solo di questo il mondo ha bisogno) si pensa all’utilizzo diffuso dell’energia atomica. Si parla piuttosto di ridisegnare il concetto di rete elettrica (per ovviare ai problemi di intermittenza delle fonti rinnovabili), stoccaggio ad alta potenza, sfruttamento delle sorgenti rinnovabili a livello diffuso/grandi parchi ed efficienza energetica.
 
Hai in parte ragione: parlando di rivoluzioni energetiche radicali si punta molto lontano, soprattutto per lo stoccaggio ad alta potenza e capacità che ora non sappiamo come fare. Ma i piani energetici per il prossimo futuro non possono basarsi su tecnologie ancora da inventare ed infatti tutti i paesi che non hanno abbondanza di fonti rinnovabili ed economiche hanno messo in progetto o stanno realizzando centrali nucleari perché ritengono che evitare inquinamento dell’atmosfera ed emissioni sia prioritario. Il che non significa penalizzare le rinnovabili: la contrapposizione non ha senso ed all’estero ci sono importanti movimenti ambientalisti favorevoli al nucleare. I nomi di alcuni esponenti dovrebbero far riflettere: James Lovelock per dirne uno.
 
Ultimi commenti

 
Potrebbero interessarti..
Conoscere per agire. Quando il bucato inquina: nonilfenoli etossilati
Le responsabilità ambientali di Wall Street
Il veicolo più ecologico del momento
Povertà, distruzione del mondo e le responsabilità del modello capitalista
Campagna shock di Sea Shepherd, il Tonno Rosso come il Panda
Salviamo la vita a 2500 cani destinati alla vivisezione a Green Hill in Italia
Olio di palma, cos’è e quali sono le conseguenze per la Terra
Il riscaldamento globale sta alterando e distruggendo le foreste
Il nucleare: il problema senza la soluzione
Ecuador ed il disastro petrolifero ad opera della Chevron-Texaco
Obsolescenza pianificata, il motore segreto della società del consumo
I 10 luoghi più incontaminati del nostro pianeta Terra
Prima vittoria per le balene - chi è Sea Shepherd?
Essere green ed il crollo dell’economica mondiale previsto per il 2030

© 2022 , HowToBeGreen.eu - Tutti i diritti riservati. - PRIVACY

Reportage correlato che potrebbe interessarti (1 di 14)

Progetto DESERTEC: il Sahara sarà la centrale solare europea? - Parte ..

[Azioni per Salvare il Pianeta]