Reportage Tematici Green (257)
[ 1172 immagini ]
Bacheca Green
[ 862 post ]
Aziende Green
Soluzioni Green

Nome: Peter Aiaccio

Su di me: Amo combattere per quello che credo sia giusto

Interessi: Causa ambientale, Cinema, Musica

Vivo: IT, Veneto

Specializzazione: Scienze ambientali

Webpage:
Altri post in Bacheca Green

Ecco come sarebbe il mondo senza di noi.. verde, zero inquinamento, aria pulita.. acqua fresca da bere.
Buon pomeriggio a tutti! Da oggi entro anche io a far parte di How to be green!!
Per Luca Mercalli la TAV non serve, meglio una decrescita intelligente. .. le considerazioni di Mercalli sulla TAV: [ Bisogna chiuderle le grandi o...
Fame e siccità: così si muore in Africa. Perchè si muore? Ecco Bernard Lietaer, progettista del sistema monetario della UE: "Avidità e competizion...
Eso Recycling, azienda leader nel recupero e trattamento di rifiuti elettrici ed elettronici, si presenta spiegando attraverso due video in che cosa ...
La rivoluzione energetica deve partire da noi stessi e se gli altri non si muovono allora inizia a farlo tu!!!
Ieri il primo ritiro di pannelli fotovoltaici da riciclare grazie alla collaborazione con PVCYCLE
La casa in legno è meglio. LegnoMAX di CAD Costruzioni srl insieme ad altre quattro imprese ha creato l’associazione veneta di Costruttori Case in...
 

Reportage scritti [ 16 ]
Post in bacheca Green [ 40 ]
Commenti a reportage [ 24 ]

cookieM
cookieM ha commentato il reportage reportage:

Non serve mai carteggiare? (leggi tutto)  
 
cookieM
cookieM ha commentato il reportage reportage:

"Davvero?" Si davvero a detta di Schutter ma soprattutto della McGill University (www.howtobegreen.eu/greenreport.asp?title=611), ecco alcuni estratti: - Lo studio conclude che la fame nel mondo è causata dalla povertà e disuguaglianza, e non dalla scarsità di produzione. Negli ultimi due decenni, il tasso di produzione alimentare mondiale è cresciuta più velocemente del tasso di crescita della popolazione mondiale. - Il mondo produce già più di 1 volta e mezzo cibo sufficiente per sfamare tutti gli abitanti del pianeta. Questo significa che il mondo produce già abbastanza cibo per sfamare 10 miliardi di persone, ovvero il picco della popolazione previsto entro il 2050. - In realtà, la maggior parte della produzione industriale va per i biocarburanti e l’alimentazione degli animali confinati piuttosto che per alimentare 1 miliardo di affamati E’ il vecchio discorso del tubo che perde acqua: c’è chi dedica la propria vita/studi per cercare di ripararlo vedendo in tale azione la soluzione definitiva, c’è chi invece le pensa tutte per cercare di aumentare la pressione dell’acqua confondendo la perdita (causata da un enorme buco sul tubo = spreco) con la perdita di carico. (leggi tutto)  
 
cookieM
cookieM ha aggiunto un nuovo reportage dal titolo:

[ ONU: la fame del mondo non si risolve con gli OGM ma con la politica ]

La fame nel mondo è legata alla scarsità di cibo o piuttosto ad una distribuzione delle risorse disomogenea? Per risolvere la fame del mondo è indispensabile l’utilizzo di colture geneticamente modificate sul larga scala? Da un rapporto del relatore speciale ONU Olivier De Schutter sul diritto alime... (read all)  
 
cookieM
Salvaguardia del pianeta? Per i governi di tutto il mondo non è un problema..

Rio+20 si conclude con un fallimento in quanto il debole documento firmato dai governi di tutto il mondo non impone nessun vincolo e quindi di fatto non serve a nulla.

Daniel Mittler (Greenpeace) ha definito "disastroso" il risultato del vertice di Rio+20, esprimendo "delusione" e "collera", ma una convinzione ancora maggiore nella "battaglia in favore del pianeta".

Barbara Stocking (Oxfam) ha sottolineato la "mancanza di affidabilità" dei governi, che "dovrebbero vergognarsi di loro stessi" e ha suggerito alla società civile di lavorare con le autorità locali.

http://www.tmnews.it/web/sezioni/esteri/PN_20120622_00004.shtml
 
 
cookieM
cookieM ha commentato il reportage reportage:

Aggiornamento sul gas di scisto negli USA: Secondo gli ultimi dati della Banca Mondiale, resi noti in anteprima da Reuters, l’anno scorso la quantità di gas bruciata senza alcun filtro nei pozzi di estrazione di tutto il mondo è cresciuta del 4,5%. La parola che spiega cosa stia succedendo non è, almeno questa volta, “fracking” ma è “flaring“. La prima, ormai la conosciamo, indica la tecnica utilizzata per estrarre il gas di scisto dalle rocce in cui è intrappolato: si pompa acqua addizionata di sabbia e sostanze chimiche ad alta pressione nel giacimento per rompere la roccia e liberare il gas. E si inquina la falda acquifera, oltre a causare (forse, ancora è da dimostrare) microterremoti nell’area di estrazione. La seconda, il flaring, indica l’usanza di bruciare il gas sporco in eccesso che esce dal giacimento mentre si estrae il metano intrappolato nelle rocce. Per mantenere la pressione costante, ed evitare esplosioni, si manda alla fiamma pilota il gas in maniera molto simile a quanto è stato fatto a bordo della piattaforma Total Elgin, nel Mare del Nord, per evitare che saltasse in aria a causa della enorme perdita di gas verificatasi un mese e mezzo fa. I dati della Banca Mondiale dicono che nel 2011, nei soli Stati Uniti, sono stati bruciati con la tecnica del flaring tanti metri cubi di gas quanti ne consuma la Danimarca in un anno per coprire il suo fabbisogno nazionale. E in Danimarca fa freddo. Questo ha portato l’America all’interno della assai poco invidiabile top ten dei “Flaring States“, insieme ad altri Stati già da tempo presenti come la Russia, la Nigeria e l’Iraq. Fonte: www.greenstyle.it/stati-uniti-lo-shale-gas-sta-facendo-aumentare-linquinamento-9252.html (leggi tutto)  
 
cookieM
Ecco un bel esempio di raccolta acqua del lavandino per la vasca del WC. Questo prodotto progettato da Jang Woo-seok (sud coreano) prevede due possibilità: utilizzare le acque grigie del lavandino o in alternativa l’acqua potabile (vedi ultima foto). Non male come idea, resta sempre da capire il prezzo.
 
 
cookieM
cookieM ha commentato il reportage reportage:

Per come la vedo io.. considero LO SHOPPING la vera minaccia. Acquistare continuamente da vestire quando non se ne ha per nulla bisogno è un assurdo apocalittico. E nessuno dica che la moda fa bene all’economia in tempo di crisi: è il pianeta che ormai è in crisi nera, totale ed irrecuperabile. (leggi tutto)  
 
cookieM
cookieM ha aggiunto un nuovo reportage dal titolo:

[ I 5 migliori carica batterie solari per computer portatili ]

Laptop, carica batteria solari, autonomia, libertà. Con l’evento della libertà di movimento legata ai pc portatili è nato il sogno di poterli utilizzare indefinitamente senza la necessità di doversi appendere ad una presa per rifornirli di energia. Chiaramente siamo molto lontani da realizzare un so... (read all)  
 
cookieM
cookieM ha commentato il reportage reportage:

Ci sono esperienze in veneto, in particolare nelle provincie di padova e vicenza, di impianti collegati a sonde di tipo orizzontale? Se si, a che profondità vanno installate e che resa media hanno per metro quadro? (leggi tutto)  
 
cookieM
Questo proverbio Navajo lo dedico a tutti gli anti-green consumisti turbo-capitalisti!

[ "Non si può svegliare una persona che finge di dormire" ]
 
 
cookieM
World Economic Forum, Klaus Schwab: "...il sistema capitalistico, nella sua formulazione attuale, non si adatta più al nostro mondo".

Tratto da TMNew: Il sistema capitalistico non si adatta più alla nostra società, parola di Klaus Schwab. In un’intervista al Financial Times Deutschland nel giorno dell’avvio del World Economic Forum, il patron di Davos mette in dubbio l’attualità della ricetta capitalistica: "Viviamo ormai in un mondo assolutamente interconnesso", spiega Schwab, in cui non si può più parlare di "elite" nel senso tradizionale del termine.

"Le vecchie strutture di forza non funzionano più - spiega Schwab - perché ormai i centri di potere si sono spostati su livelli differenti, ci sono un’infinità di nuovi attori, un’economia globale interconnessa, più trasparenza e maggiori possibilità di espressione delle proprie opinioni e della propria influenza".

Poi il fondatore di Davos riconosce: "I politici, ma in definitiva tutti noi, abbiamo rinunciato a porre dei paletti agli eccessi della finanza. E non siamo stati in grado di introdurre quelle regole necessarie ad evitare una pervesione generale del sistema". "Si può ben dire - continua Schwab - che il sistema capitalistico, nella sua formulazione attuale, non si adatta più al nostro mondo".
 
 
cookieM
cookieM ha commentato il reportage reportage:

Acqua "Sant’Anna BIO" (il colore della plastica è verde). (leggi tutto)  
 
cookieM
cookieM ha commentato il reportage reportage:

A proposito di compostabilità della plastica, ho visto in vendita acqua in bottiglia in plastica vegetale COMPOSTABILE. Controllando l’etichetta è scritto chiaramente quanto segue: "la bottiglia e l’etichetta sono sia riciclabili che compostabili - si biodegradano completamente in 80 gg negli appositi siti di compostaggio. Il tappo è in PE e va quindi conferito nella raccolta differenziata della plastica". Pur essendo radicalmente contrario al concetto stesso di acqua in bottiglia.. ho acquistato alcune confezioni e vi garantisco che all’APPARENZA è identica alle comuni plastiche per imbottigliamento. Da questo punto di vista hanno fatto veramente un bel lavoro. Il prezzo si attesta sui 0,4 euro al litro contro altre marche che utilizzano plastica tradizionale con prezzi compresi da 0,26 a 0,39 euro al litro. Non c’è moltissima differenza. (leggi tutto)  
 
cookieM
cookieM ha commentato il reportage reportage:

Decisamente una grandiosa speranza concreta per il mercato dei veicoli elettrici. Come è noto qualsiasi cosa, risorsa o fonte di energia, che si trovi lontano dal luogo di utilizzazione finale comporta costi energetici (o sprechi) di non trascurabile entità. Con una battuta si potrebbe parlare in questo caso di aver beccato "due piccioni con una fava": energia pulita + metallo fondamentale per la diffusione dei veicoli elettrici! (leggi tutto)  
 
cookieM
Ho sentito parlare della turbine eolica gonfiabile..
 
 
cookieM
Questo reportage è stato cancellato.
 
cookieM
cookieM ha risposto ad una domanda, scrivendo:

Il Greenwashing è una bella fregatura. Come fa una grande azienda che inquina a legittimare le proprie azioni? Facendo una bella campagna di marketing evidenziando piccolezze assolutamente prima di rilievo sostanziale quali ad esempio:
- "abbiamo installato un impianto fotovoltaico" (quanto magari invece brucia carbone per tonnellate al giorno)
- "utilizziamo solo materie prime certificate" (sfido chiunque verificare e oltretutto ci sono molti dubbi sulla fondatezza di alcune certificazioni, tipo quelle sul legname e sulla carta).. etc etc.

Diffidare da tutte quelle compagnie che improvvisamente si presentano come riconvertite al green solo perchè nascondono o spostano i loro processi produttivi più sporchi altrove sperando così non solo di rimanere ancora nel mercato ma così pure di aumentare i loro sporchi profitti alla faccia di tutto e tutti. (leggi tutto)
 
cookieM
cookieM ha aggiunto un nuovo reportage dal titolo:

[ Il riscaldamento globale degli ultimi 200 anni in un VIDEO ]

Riscaldamento globale negli ultimi 200 anni. Gli indicatori più importanti utilizzati finora per la misurazione del riscaldamento globale sono state le temperature superficiali della terreno e dei mari. Tutta via non molti sanno che questa scelta è stata criticata in diversi modi, compresa la scelta... (read all)  
 
 
   

© 2019 , HowToBeGreen.eu - Tutti i diritti riservati. - PRIVACY