Reportage Tematici Green (257)
[ 1172 immagini ]
Bacheca Green
[ 862 post ]
Aziende Green
Soluzioni Green

 Autore del reportage
Nome: Alessandro Furiato

Su di me: Redazione di HowToBeGreen - Esperto in tecnologie a basso impatto ambientale, consulente.

Interessi: Amo viaggiare nel mondo alla ricerca di soluzioni per molti dei problemi energetici che affliggono il pianeta

Vivo a: IT, vicenza

Specializzazione:: Perito elettrotecnico

Webpage:
 
Reportage scritti [ 17 ]
Post in bacheca Green [ 52 ]
Commenti a reportage [ 46 ]
Solar Cooling: raffrescamento ottenuto con il CALORE del sole
3/6/2011
Energia Solare Termica
8224  views
  Locazione: Mondo
Invia ad un amico

Solar Cooling, solare termico e raffrescamento solare. Quale correlazione? Il Solar Cooling è il nome della tecnologia che utilizza direttamente il calore solare per produrre acqua refrigerata per scopi di condizionamento domestico. Sembra una contradizione in termini mentre invece, per gli addetti ai lavori, non è nemmeno una novità.

Il condizionamento estivo tradizionale utilizza pompe di calore aria-aria dove i rendimenti energetici risultano bassissimi in quanto risultano inversamente proporzionali (d’estate) alla temperatura esterna. Rendimenti bassissimi significa grande quantità di energia elettrica richiesta alla rete.

La tecnologia solar cooling o raffrescamento solare sfrutta un pompa di calore diversa da quella tradizionale (a compressione di vapore) e va sotto il nome di: pompa di calore ad assorbimento. Le pompe di calore ad assorbimento sfruttano la naturale igroscopicità di alcuni sali quali bromuro di litio, ottenuto dal sale marino, per generare un ciclo frigorifero continuamente rigenerato dal calore solare. La bellezza di questa tecnologia è legata al fatto che la sorgente primaria di energia necessaria per il raffrescamento è CALORE a temperature che possono essere raggiunte dai collettori solari termici domestico (dai 70° ai 90°C) specialmente i collettori sotto vuoto. L’energia elettrica necessaria al funzionamento del sistema è quasi trascurabile in quanto è necessaria soltanto per alimentare circuiti ausiliari della pompa di calore ad assorbimento. Il calore refluo di processo che deve essere smaltito può essere utilizzato per produrre acqua calda sanitaria.

Il grande vantaggio del raffrescamento solare risiede nella contemporaneità di irraggiamento solare e fabbisogno di refrigerazione. L’energia prodotta viene direttamente sfruttata perché questa contemporaneità è sia stagionale che giornaliera (soprattutto nelle strutture con ampie vetrate). Le alte temperature estive registrate in Italia e in tutto il sud Europa contribuiscono al raggiungimento di picchi elevati a livello di domanda energetica a causa degli assorbimenti elettrici per il funzionamento dei condizionatori e sono causa di black-out sempre più frequenti.

Se qualsiasi sistema di condizionamento estivo fosse di tipo solar cooling, non esisterebbe nemmeno il problema del picco estivo dei consumi in quanto l’energia per raffrescare gli ambienti verrebbe direttamente dai collettori solari di ogni singolo impianto o centralizzato che sia.

La tecnologia “solar cooling” purtroppo registra ancora livelli di penetrazione sul mercato piuttosto scarsi ed è poco (o nulla) noto agli utenti finali, ai progettisti e agli installatori. La causa di questa scarsa diffusione sono alcune “barriere non tecnologiche” cioè legate soprattutto alla scarsa conoscenza della tecnologia e al basso numero di applicazioni e di conseguente esperienza impiantistica.


  [Foto]




 [Video] ( Nessun video aggiunto )
REPORTAGE
 
Solar Cooling: raffrescamento ottenuto con il CALORE del sole
 
posted on 6/3/2011 at 11:43


[Per inserire commenti devi essere iscritto su HowToBeGreen] JOIN NOW
Credo che tra le barriere (tecnologiche o non tecnologiche) alla diffusione del solar cooling ci siano anche i costi.
Ad esempio quanto costa l’aggiunta di un assorbitore ad un impianto solare termico? E’ necessario prevedere un aumento anche della superficie captante? e qual è la taglia minima degli assorbitori?
 
Vero, riguardo i costi non riesco ancora ad ottenere dati del tutto attendibili.. per quanto riguarda gli altri aspetti tecnici: per ogni 1 kW frigorifero sono necessari INDICATIVAMENTE circa 3 metri quadri di pannelli solari ad alta efficienza (tecnologia sottovuoto). Quindi nell’ipotesi di voler raffrescare un casa da 180 metri quadri, con isolamento medio, ed ipotizzando bastino 10 kW frigoriferi.. sono necessari circa 30 metri quadri di collettori. Alcuni produttori riescono a realizzare pompe di calore ad assorbimento anche di taglie di potenza piccole, circa 12-15-18.. kW.
 
Ultimi commenti

 

© 2021 , HowToBeGreen.eu - Tutti i diritti riservati. - PRIVACY

Reportage correlato che potrebbe interessarti (1 di 3)

10 steps per risanare edifici esistenti con classi termiche e acustich..

[Energia Solare Termica]